Slider
2021_Gente_Italia_N_15_-_24_Aprile_2021_Monica_Bellucci_Stranica_011.jpg
2021_Gente_Italia_N_15_-_24_Aprile_2021_Monica_Bellucci_Stranica_010.jpg
212_THE-BUND-China-2012-rare-Chinese-magazine-04.jpg
212_THE-BUND-China-2012-rare-Chinese-magazine-05.jpg
212_THE-BUND-China-2012-rare-Chinese-magazine-01.jpg
212_THE-BUND-China-2012-rare-Chinese-magazine-03.jpg
212_THE-BUND-China-2012-rare-Chinese-magazine-02.jpg
2016_Monica_Bellucci_attends_the_MIFF_2016_Ville-Marie_screening.jpg
2021_Monica_Bellucci_by_Lou_Sarda_04.jpg
2021_Monica_Bellucci_by_Lou_Sarda_02.jpg
2021_Monica_Bellucci_by_Lou_Sarda_03.jpg
2021_Monica_Bellucci_by_Lou_Sarda_01.jpg
2005_Monica_Bellucci_Peters_02.png
2021_Hafta_Monica_bellucci_Dunia_cover.jpg
2021_Monica_Bellucci_on_the_set_of_Befana_Comes_at_Night_2_in_Rome_04-10-2021-13.jpg
2021_Monica_Bellucci_on_the_set_of_Befana_Comes_at_Night_2_in_Rome_04-10-2021-11.jpg
2021_Monica_Bellucci_on_the_set_of_Befana_Comes_at_Night_2_in_Rome_04-10-2021-12.jpg
2021_Monica_Bellucci_on_the_set_of_Befana_Comes_at_Night_2_in_Rome_04-10-2021-8.jpg
Latest Photos
Cover Story Sorbet Magazine by Ellen von Unwerth


Published by: admin
Comments disabled
Sorbet Magazine: DIRTY THIRTY – STARRING MONICA BELLUCCI


Published by: admin
Comments disabled
Vogue: Divina Monica

Divina Monica

Dopo lunga assenza, torna sulle pagine di Vogue Italia Monica Bellucci. Fotografata a Firenze per uno speciale dedicato alle sontuose creazioni alta moda di Dolce & Gabbana

Nel servizio di Sebastian Faena Monica Bellucci posa tra i marmi, i gessi e gli attrezzi di un telier di scultura dei primi dell’800. Un omaggio all’artigianalità italiana, interpretato dalla nostra più celebre diva.

Monica Bellucci in una foto di Sebastian Faena, styling Sofia Achaval. Abito di tulle con corsetto e strascico e applicazioni di fiori in organza e velluto. 

Gli abiti di questo servizio fanno parte della collezione Dolce&Gabbana Alta Moda, presentata a settembre a Villa Bardini, a Firenze. Tessuti e lavorazioni sono ispirati ai colori e ai fiori del parco di Villa Bardini e all’architettura fiorentina. Si ringrazia la Galleria Romanelli di Firenze.


Published by: admin
Comments disabled
Караван историй (Украина) – Моника Беллуччи: начало нового …


Published by: admin
Comments disabled
Monica Bellucci e Helmut

Con Helmut Newton la Bellucci è stata pugilatrice e cameriera.  Sposa e fustigatrice. Dominata e dominante.  La diva ricorda «quello scambio muto tra un genio che leggeva qualcosa di me,  e io che gli permettevo di leggerlo»

In una suite fiorentina Monica Bellucci ride mentre litiga con le cialde e la macchinetta, cammina sotto una volta affrescata, si stupisce di tanto lusso, serve il caffè. Curiosa in modo astuto e intelligente, passerebbe il tempo a far domande, piuttosto che sentirne di nuove. Intorno agli occhi ha un trucco scuro, «ancora quello di ieri sera», dice con disinteresse, e neppure un filo di occhiaie che a Helmut Newton – l’ha scritto nell’autobiografia – piacevano tanto perché le considerava confessioni esplicite di autoerotismo. Gentile e colma di sé, appare a suo agio nel suo non essere mai completamente a suo agio, consapevole del doppio sogno che vive chiunque la incontri, scomposta e ricomposta sulle pareti corticali, che fatica.  Parla volentieri. Esclama «vafanculò», con una effe sola e l’accento, quando racconta della scelta di portare in Grecia il suo monologo su Maria Callas. E di recitarlo, aiutata dai sottotitoli, direttamente in italiano: «Una lingua stupenda che purtroppo viaggia troppo poco: vaf….!».

Si fa scappare che in Italia, ora come ora, ci tornerebbe a vivere volentieri. Programma per il momento sospeso perché c’è un nuovo film da girare a Parigi: Les fantasmes. Che guarda caso, in francese, vuol dire “fantasie”. Indossa una tutina nera che le fascia il corpo, sempre più esile e slanciato di quanto il sogno mediterraneo che incarna lasci immaginare. Ha piedi che hanno fatto l’amore con la tomaia delle scarpe firmate, migliaia e migliaia di paia. Caviglie che Helmut Newton ha voluto nude, per cingerle poi con speroni da cavallerizza, frustino in mano, in una primavera del 2001 a Monte Carlo per il servizio di Vogue Italia che riproponiamo in queste pagine. «Otto anni prima c’era stata la campagna per Blumarine a Nizza, pubblicata nel libro A Gun for Hire. Il lavoro per Vogue Italia è stato invece incluso nella raccolta Sex and Landscapes», ricorda Matthias Harder, direttore della Fondazione Newton. Monica ripercorre quei giorni, la memoria dei particolari è un po’ stinta, la verità di fondo no: «Gli uomini, artisticamente intendo, mi hanno molto amata, Helmut incluso, e non saprei dire perché. Agli uomini devo tutto».

Quando pensa a Newton, che fermo immagine vede?

Una scena in bianco e nero, e un uomo di ottant’anni con una forza vitale gigante, accattivante, con diecimila idee al minuto, a dimostrazione che l’età, quando c’è il fuoco, scompare.

Quali ingredienti aveva quell’energia?

Sensualità, capacità di guardare con occhi acuti. Una forza che assorbiva e dava, e immortalava la mia maturità ancora acerba.

E lei, materia malleabile tra le sue mani.

Quando mi sento rispettata divento così, disposta a giocare: un gioco molto rischioso e molto alto.  Sono passati quasi quarant’anni dal suo debutto, venti da quelle foto.

Che pasta espressiva possiede il suo corpo, adesso?

Quello di una donna adulta che è maturata, come fa la frutta. Questo è un argomento totalmente nuovo, sa? La novità di noi donne che pur senza la giovinezza biologica dei vent’anni abbiamo una femminilità e una sensualità che continua, nel cinema come nella vita.

Ha appena terminato le riprese di un film su Anita Ekberg, che è dolorosamente sfiorita, eccome.

Il regista Antongiulio Panizzi non voleva fare un film sul corpo, quanto sul mestiere dell’attrice, su cosa la spinge a entrare in un ruolo o no, sul divismo di ieri e di oggi. Il nostro è un lavoro metafisico, che non ha biglietto da visita, non è medico, né architetto né avvocato. A Parigi emblematicamente ci chiamano mademoiselle per tutta la vita: puoi essere sposata, avere cinquemila figli, e sei sempre signorina.

Osano anche con lei?

Certo. È come se fossimo di dominio pubblico. Come se non facessimo parte del disegno del tempo.

La prima volta davanti all’obiettivo di Newton, nel 1993, lei che donna era?

Stavo fluttuando. Stavo cercando. Lasciavo un periodo fatto di viaggi e moda, che conoscevo bene, per passare al cinema, che non conoscevo affatto e dove avrei potuto schiantarmi. Avevo un amore, a Roma, e non m’ero ancora trasferita in Francia. Due anni dopo ho girato il mio primo film a Parigi, L’appartement: ho incontrato Vincent, e il film ha ottenuto il Bafta come miglior pellicola in lingua non inglese.

(continua)

L’intervista integrale è su Vogue Italia, in edicola dal 6 ottobre


Published by: admin
Comments disabled
Monica Bellucci cover of «Κ» Magazine

Посмотреть эту публикацию в Instagram

#repost @monicabellucciofficiel #cover of «Κ» Magazine @kathimerini 📸 photo by @tomvolf for @handk_officiel Hair by @johnnollet Makeup by @jolanta.cedro Assistants @louisyago & @actafabulaest Κοσμήματα @cartier Φόρεμα @dior Μαρία Κάλλας: επιστολές και αναμνήσεις 28, 29 & 30.9 στο Ηρώδειο @lykofostheater @yorgos_lykiardopoulos @ogluzman Ευχαριστούμε τον @drigopoulos ~ Ένα μαγικό εξώφυλλο έρχεται αυτή την Κυριακή 13 Σεπτεμβρίου στο Περιοδικό "Κ" που κυκλοφορεί μαζί με την Καθημερινή της Κυριακής. "Όταν η Μόνικα Μπελούτσι ερωτεύτηκε την Ελλάδα". Μια χειμαρρώδης συνέντευξη της Ιταλίδας σταρ στον Γιώργο Τσίρο, ένα ηλιόλουστο απόγευμα στο @hiltonathens ~ @aris_asproulis #coverstory #monicabellucci #photography #blackandWhite @mariabycallas #mariacallas

Публикация от Tom Volf (@tomvolf)


Published by: admin
Comments disabled
BHMAgazino (Greece) – Monica Bellucci: “They know my name, but not who I really am”

Monica Bellucci: “They know my name, but not who I really am”

  

interview in greek


Published by: admin
Comments disabled

Страница 1 из 2012345...1015...Последняя »